Pensieri digitali
per Brand di successo
App
Application

Una app allunga la vita… del vostro Brand!

Un viaggio salutare alla scoperta del mondo delle app per capirne le potenzialità, le funzionalità e quali vantaggi possono portare al Brand attraverso l’individuazione dei reali bisogni delle persone a cui la app è rivolta.

Studi scientifici hanno dimostrato che l’utilizzo di una app nel business aiuta a prevenire l’insorgenza di disturbi all’apparato respiratorio del vostro Brand.
Pensate sia uno scherzo? Ebbene lo è solo in parte. Non tirate quindi un sospiro di sollievo, perché è il momento di capire fino in fondo se al vostro business serve una bella cura ricostituente a base di app, ma soprattutto il perché può essere utile.

Andiamo con ordine. Il mondo oggi si è organizzato in completa mobilità, non ci si può più permettere di raggiungere le persone solo quando sono di fronte al monitor del proprio PC. Pensate che ogni giorno vengono effettuate 15 milioni di connessioni internet da smartphone (fonte: Nielsen), un numero impressionante, ma che può anche essere tradotto in 15 milioni di possibilità da non sprecare per raggiungere un potenziale consumatore. Tenete presente che una larga percentuale di queste connessioni internet (potremmo arrivare a stimare oltre l’80%) deriva direttamente da app. Basti pensare all’utilizzo quotidiano di colossi come Facebook, Whatsapp, Youtube, Instagram che hanno saputo creare uno stile di vita, utilizzando la condivisione di scatti fotografici, video e stati d’animo.

Da questo dato ovviamente non si trae una soluzione e alcuni di voi staranno sicuramente pensando: “ho già un bellissimo sito responsive, non mi serve anche l’app!”. Forse in alcuni casi può essere vero, ma la verità è più sottile e non sempre così semplice.

La prima cosa e la più importante da capire è che una app nasce per interagire al 100% con lo smartphone ed il tablet integrandosi perfettamente con il dispositivo (GPS, fotocamera, rubrica contatti, album, altre app…) di cui mantiene inoltre la stessa user experience grazie ad una interfaccia che segue le medesime linee guida del device. In pratica è come se le persone sapessero già utilizzare la app, proprio perché diventa una naturale estensione del loro smartphone. La app permette quindi di coniugare la parte informativa propria di un sito, con la cui banca dati può anche dialogare, con quella funzionale propria dello smartphone.

Una app può essere dedicata allo sviluppo di un servizio specifico, curandolo nel dettaglio per renderlo semplice, veloce e intuitivo. Pensate per esempio all’internet banking e alla rivoluzione mobile che società come Fineco hanno saputo sfruttare diventando leader tecnologico del settore bancario.

La cosa inizia a farsi interessante, vero? Allora rendiamo ancora più curioso il discorso! Pensate che anche quando le persone sono all’interno di un punto vendita cercano l’interazione con una app per ottenere sconti e visualizzare velocemente le possibili promozioni. Non è un caso che i 3/4 della GDO ha già sviluppato una propria app dedicata (fonte: osservatori.net).

Continuiamo un attimo con i numeri per farvi comprendere meglio il processo di cambiamento di tendenze. Non c’è da stupirsi che il 57% degli italiani usi lo smartphone per ottenere informazioni su un prodotto e che addirittura il 28% abbia effettuato almeno un acquisto negli ultimi tre mesi usando un device mobile (fonte: DigitasLBi).

Ormai dovreste esservi fatti un’idea su quali vantaggi potreste trarre da una app, ma cerchiamo di riassumerli brevemente: una app può incrementare la conoscenza e la notorietà del vostro Brand, può diventare fonte di business, in alcuni casi sfruttando lo spazio dedicato all’advertising. Può essere uno strumento indispensabile per formare, informare o un servizio operativo che interagisce velocemente con l’utente.
Ma c’è un vantaggio al quale ancora non avete pensato e che può fare la differenza: una app può essere progettata per offrire un servizio perfetto anche offline, eliminando l’espressione delusa delle persone nello scoprire che purtroppo non c’è campo, lasciando la possibilità di sincronizzarsi quando la rete è disponibile.

In molti casi l’app si integra perfettamente con il sito diventandone una vera e propria estensione. Pensate a Privalia che sposta l’utenza dal sito all’app semplicemente proponendo sconti e anteprime per gli utenti mobile. Oppure ad Amazon, che ha creato un app per ogni esigenza, in modo da allargare esponenzialmente il proprio bacino di utenza.

In altri casi invece l’app diventa l’unico o comunque il principale mezzo di business, come nel caso di Uber (servizio di trasporto privato, attivo principalmente della grandi città) che sfrutta il bisogno in mobilità offrendo un servizio rapido ed efficiente.

Le app sono oggi un mezzo indiscusso e importante per ogni business. Un processo inarrestabile che ha coinvolto il mondo intero con numeri da capogiro. Pensate che nel 2014 il numero di download ha toccato i 260 miliardi (App Store e Google Play).

Questi sono solo alcuni spunti di riflessione per determinare se una app può aiutarvi nel vostro business. Solo un’ultima raccomandazione: la app è una cosa seria, valutatela sotto ogni punto di vista e affidatevi esclusivamente a mani esperte.

16 Febbraio 2015
BITDESIGN TEAM
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia
Tag Cloud: